La Croce Rossa di Costantino

l titolo completo di questo Ordine è Ordine Massonico e Militare della Croce Rossa di Costantino e gli Ordini del Santo Sepolcro e di San Giovanni Evangelista.

L'origine di questo Ordine è circondato dal mistero, ma se ne comincia a parlare agli inizi del 1800 e il primo brevetto ufficiale è del 1813. E’ possibile che prima di quella data vi fossero vari rituali con quel nome, ma se questo è vero alla fine sono confluiti in un unico rituale, quello che conosciamo oggi. Infatti nel 1825 viene pubblicata una relazione per conto della Gran Loggia Unita d’Inghilterra da parte di Robert Carlile molto accurata nella esposizione da cui si vede chiaramente che il rituale con lievissime variazioni è lo stesso che usiamo oggi.

La Croce Rossa di Costantino è stata attivamente promossa alla fine del XVIII e nei primi anni del XIX secolo, ma l'istituzione dell'Ordine come lo conosciamo, è stato l’opera di Robert Wentworth Little che ha ricostituito il Gran Conclave con l'assistenza W. H. White (allora Gran Segretario G.L.U.I.) e di W. J. Hughan (il famoso storico della Massoneria) nel corso del 1865. Dopo un progresso inizialmente lento, l'Ordine, tuttavia, ha attirato una miriade aderenti entusiasti mettendo  radici in Inghilterra, e diffondendosi con grande rapidità nel resto del mondo. Oggi nel mondo ci sono più di 300 Gran Conclavi Imperiali e l’Ordine continua a prosperare.

 

Fanno parte di questo Ordine tre camere capitolari che sono:

  1. Cavaliere della Croce Rossa di Costantino
  2. Cavaliere del Santo Sepolcro
  3. Cavaliere di San Giovanni Evangelista

 

Il 1813 è anche l’anno delle riunificazione tra le due fazioni della Massoneria Inglese gli “Antichi” e i “Moderni”. E’ da allora che nasce la Gran Loggia Unita d’Inghilterra.

Dopo la riunificazione nacque l’esigenza di riscoprire la componente cristiana all’interno della istituzione. La Massoneria nasce durante le guerre di religione del XVII secolo e per evitare che nascessero discussioni tra le varie fedi furono tolti progressivamente dalla Loggia tutti i simboli esteriori cristiani, consuetudine osservata ancora oggi nei tre gradi della Massoneria azzurra. Dopo la riunificazione tra antichi e moderni, i gradi cavallereschi andarono via via evolvendo e riscoprendo la loro componente cristiana. L’Ordine accoglie tra le proprie file compagni dell’Arco Reale che dichiarano di essere “cristiani trinitari”, possono essere quindi cattolici, anglicani, luterani, etc. Quindi niente buddisti o testimoni di Geova. La dichiarazione è necessaria anche nel nostro Ordine Cadetto, quello dei Templari.

Per chiarire poi la continuità iniziatica della nostra tradizione, specifichiamo che la Bolla di Fondazione della Comunità italiana ci viene per gemmazione del Gran Conclave di Germania, a sua volta gemmato dal Gran Conclave inglese nel XIX secolo.

E’ da precisare che oltre al Gran Conclave Imperiale della Croce Rossa di Costantino esiste all’interno del Rito di York una onorificenza che si chiama anch’essa Croce Rossa di Costantino ma si tratta solo di un grado accessorio che nulla ha a che vedere con la nostra ritualità, e non ci sono relazioni di nessun genere.

L’Ordine della Croce Rossa di Costantino appartiene alla classe di Riti Iniziatici “Est ed Ovest” e si sviluppa in tre

gradi (Cavaliere, Eusebio/Vicerè e Sovrano) titoli che rappresentano i rispettivi gradi in ordine di Iniziazione.

Il primo grado dell’Ordine, quello di Compagno Cavaliere, si basa sulla conversione al Cristianesimo, utilizzando come simbolo della transizione la leggenda di Costantino il Grande. Il candidato si presenta come un “Cavaliere di Roma” desideroso di abbracciare il Cristianesimo, e deve appartenere all’Arco Reale, in conformità. al dettato degli Statuti.

Il secondo grado, quello di Venerabile Eusebio è uno dei gradi simbolici sacerdotali: un Cavaliere che raggiunga questo “status” è eleggibile alla carica di Vicerè di un Conclave, a condizione che egli sia già membro degli Ordini Collegati del Santo Sepolcro e di San Giovanni Evangelista e che sia regolarmente eletto a tale carica.

Le funzioni di Vicerè e di Eusebio sono distinte: quando il Viceré termina il suo mandato, il suo “status” di Eusebio rimane inalterato.

Il terzo grado si esaurisce col grado di Potentissimo Sovrano, che rappresenta Costantino, Principe-Sovrano dell’Est  dell’Ovest. Gli Statuti prevedono che un Sovrano, per essere eletto, sia rimasto in carica almeno un anno in qualità di Vicerè di un Conclave regolare.

Gli Ordini Collegati del Santo Sepolcro e di San Giovanni Evangelista furono ben presto uniti all’Ordine della Croce Rossa di Costantino ed un Diploma a parte viene rilasciato ai membri di questi Ordini.

Vai ai Riti

  • Riproduzione riservata © In caso di utilizzo totale o parziale dei contenuti del presente articolo si prega di citare la fonte.