L’Ignoranza

’ignoranza, ci porta a credere all’esistenza di ciò che non esiste. A causa dell’ignoranza l’uomo materiale ritiene che solo la creazione fisica esista e che non vi sia nulla al di fuori della fisicità della materia. Solo quando l’uomo comprende la vera natura della creazione, ed il rapporto che esiste tra se stesso e l’Assoluto, solo allora si renderà conto di essere stato completamente accecato dall’ignoranza e dal pregiudizio e di aver dimenticato il suo vero “Sé”, ed essere la causa della sua stessa sofferenza.

L’uomo è schiavo, perché sottoposto all’influenza dei cinque mali: Ignoranza, Egoismo, Attaccamento, Avversione, Ostinazione. E lo è anche per queste otto indegnità di cuore: Odio, vergogna, paura, dolore, critica, i pregiudizi razziali, orgoglio della propria discendenza, presunzione. La crescita spirituale necessita lo sviluppo della forza morale, e questa si rafforza con l’osservanza dell’autocontrollo, della non-violenza, della sincerità, onestà, moderazione, e assenza di avidità e di crudeltà.

 

(S.Yuktersvar, la Sacra scienza Astrolabio Roma pag.61)

Vai all'indice

Vai alle Tavole di Loggia

  • Riproduzione riservata © In caso di utilizzo totale o parziale dei contenuti del presente articolo si prega di citare la fonte.