Lo Zolfo

o zolfo è il principio attivo dell’alchimia, quello che agisce sul mercurio inerte e lo feconda, o altresì lo uccide. Lo zolfo corrisponde al fuoco come il mercurio all’acqua, è il principio generatore maschile la cui azione sul mercurio, la sua combinazione produce i metalli. Esso manifesta la Volontà celeste (a cui corrisponde significativamente la pioggia di zolfo di Sodoma) e l’attività dello Spirito. Lo zolfo rosso dell’esoterismo musulmano indica “l’Uomo universale” – che è anche rappresentato da una fenice, e perciò il prodotto della terza fase ermetica, “l’Opera al rosso”. L’azione che lo zolfo produce sul mercurio è di trasmutazione. Uccidendolo si produce il cinabro, che è una droga di immortalità. Il rapporto costante dello zolfo con il fuoco lo mette talvolta anche in connessione con il simbolismo infernale.

(Mircea Eliade, Forgerons et Alchimistes Paris 1956 / Guenon Renè, la Grande Triade Roma).

 

Secondo un’altra tradizione esoterica, che si ricongiunge alla prima, lo zolfo rappresenta il soffio igneo e designa lo sperma minerale. E dunque egualmente legato al principio attivo. Esso apporta la luce o il colore.

(Alleau Renè, Aspects de l’Alchimie traditionelle, Paris 1953,pag. 245).

 

Lo zolfo rosso (kibrit ahmar, in arabo), la cui esistenza è leggendaria, si troverebbe all’ovest in vicinanza del mare e sarebbe assai raro. Perciò, per indicare un uomo che non ha pari, lo si chiama “zolfo rosso”.

(Encyclopédie de l’Islam, 5° vol. Paris 1938).

 

Lo zolfo rosso è paragonato alla transustanziazione dell’anima attraverso l’ascesi (Massignon L., la passion di al-Hallaj, Paris 1922, pag. 931). Secondo il simbolismo alchemico dei mistici musulmani, l’anima, irrigidita in una sterile durezza, deve essere liquefatta, poi congelata, operazioni seguite dalla fusione e dalla cristallizzazione. Le forze dell’anima sono paragonate alle forze della natura: calore, freddo, umidità, siccità.

 

Nell’anima, le forze corrispondenti sono in relazione con due principi complementari, analoghi allo zolfo e al mercurio dell’alchimista. Nel Sufismo il mercurio indica la plasticità della psiche e lo zolfo l’atto spirituale. Per Ibn Al ‘Arabi, lo zolfo designa l’azione divina (al-Amr) e il mercurio la natura nel suo insieme

(Burckhard Titus, Introduction aux doctrines ésotérique de l’Islam, Lione 1955, pag.109).

 

Si sa che il colore della Pietra filosofale è rosso.

 

Per gli alchimisti, lo zolfo è nel corpo come il Sole è nell’Universo. L’oro, la luce, il color giallo, interpretati nel senso infernale dei loro simboli, denotano l’egoismo orgoglioso che cerca la saggezza soltanto in sé, che diviene la propria divinità, il proprio principio e il proprio scopo.

(Portal Frederic, Des couleurs symbolique, dans l’Antiquité, le Moyen Age et les Temps Moderne, Paris ,1837, pag. 84).

 

Questo lato nefasto del simbolismo del Sole e del colore giallo è rappresentato dallo zolfo satanico della tradizione cristiana: nell’ Antico come nel Nuovo Testamento. Sodoma è consumata da una pioggia di zolfo e il castigo promesso ai malvagi nel libro di Giobbe riprende la stessa immagine:” la luce si oscurava sotto la tenda … Lo zolfo era sparso nella sua dimora … egli è sospinto dalla luce alle tenebre”, (Giobbe, 18,6). La fiamma gialla affumicata, dello zolfo, è per la Bibbia questa “anti-luce” devoluta all’orgoglio di Lucifero. La luce è divenuta tenebre: «Prendi dunque e guarda che la luce che è in te non sia tenebra» (Luca, 11, 36). Lo zolfo dunque è come un simbolo di colpevolezza e di castigo, ed è per questo che lo sì impiega nel paganesimo per la purificazione dei colpevoli.

(Portal Frederic, Des couleurs symbolique, dans l’Antiquité, le Moyen Age et les Temps Moderne, Paris ,1837, pag.86).

Ritorna ai Tre Elementi

Il Mercurio

Il Sale

Il Cinabro

  • Riproduzione riservata © In caso di utilizzo totale o parziale dei contenuti del presente articolo si prega di citare la fonte.